Rendi bella la tua tavola

Condividi

Nelle mie peregrinazioni le visite in libreria sono un rito, un momento di rigenerazione della mente concreta che si diverte a scovare il frutto di tante ricerche interessanti. In questi giorni tra le mani mi è capitato un grazioso libro della Xenia, scritto da Barbara Braj che si intitola “Feng Shui in Cucina”. Il testo, che suggerisco a chi sta arredando o ristrutturando casa, ma anche a chi vuole rinnovare la cucina con pochi tocchi, oltre a dare dritte interessanti su come gestire la relazione tra gli Elementi (ad esempio il Fuoco del piano cottura e l’Acqua dei lavelli), considera anche la presenza dei colori e dà indicazioni interessanti sulla creazione dell’Armonia nell’ambiente in cui si pranza. Quando impareremo che attraverso la vista nutriamo il nostro organismo di Bellezza o Bruttezza, e ci predisponiamo alla corretta assimilazione del pasto che stiamo consumando ? La PNEI ci insegna – e non c’è tema di smentita – che ogni cosa, ambiente o situazione con cui entriamo in contatto produce neurotrasmettitori che ci fanno star bene o ci aggravano. Perciò è consigliabile dare più  attenzione al colore, ad esempio di piatti e tovaglie. Sembra una sciocchezza ma perché non provare. Un dettaglio colorato che ci piace ad esempio. Qualche giorno fa ho registrato un intervento per una giornata di studio che la SIPNEI Sicilia organizzerà a Catania il  28 settembre p.v.imagese la mia amica Maria ha allestito un tavolo “scenografico” girando per casa e raccogliendo pezzi che mi/le piacevano. Messi insieme e armonizzati a pomodori, basilico e radicchio, veniva veramente voglia di sedersi e mangiare, con buon umore e bellezza. Per apparecchiare nel quotidiano la tavola non occorre essere abili table-stylist ma solo sperimentatori. Mettete a tavola quello che vi piace avere sott’occhio, i colori che vi mettono di buon umore, ricordando che tutti gli stimoli che lo inducono, favoriscono di per sé la buona digestione, anche del cibo più complesso. Perciò perché non provare ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *