PER FAVORE NON METTETEVI A DIETA: preferite invece una regola alimentare.

Condividi

Sono giunta ad una prima importante conclusione: le diete fanno male.
E’ proprio l’idea della dieta che è contro ogni ritmo fisiologico. Quindi portate pazienza e piuttosto che invitare il corpo ad uno stress che si aggiunge a quello che già lo ha fatto gonfiare o ingrassare, alterando il suo equilibrio, cercate di ricondurlo docilmente ad un ritmo più adatto alle reali esigenze di età e stile di vita.
MovimentoL’arte della Prevenzione è sinonimo di Ritmo e si basa su tre cardini, che poi sono i fondamenti di un corretto Stile di Vita: Respiro, Movimento e, naturalmente, Alimentazione. Il Respiro è di per sé Ritmo, a meno di non intervenire con le nostre emozioni o i nostri pensieri preoccupati, il corpo si autoregola con un respiro ritmato spontaneo che dà equilibrio all’immissione di ossigeno e all’emissione di anidride carbonica, favorendo i cicli della combustione metabolica fisiologica. Il Movimento è ritmo, necessario alla struttura organica, dalla muscolatura, per mantenere il tono, alle ossa, che senza movimento si demineralizzano, agli organi interni che godono di un fisiologico massaggio, ai sistemi che si mettono in moto producendo neurotrasmettitori, molecole più o meno complesse che facilitano la comunicazione interna e quindi rendono efficiente il sistema immunitario, mantenendoci in buona salute.
E infine l’Alimentazione, che con i suoi nutrienti, immessi in modo ritmato e regolare, consente il carburante necessario all’attività di rinnovo cellulare.

La Regola dunque è Ritmo. E il Ritmo ci permetterà di restare sempre tonici e in forma. Il Corpo ha un suo ritmo e se le esigenze della vita cambiano chiedete la sua collaborazione per cambiare ritmo, non imponetegliene uno nuovo ragionato sulla base di esigenze esterne. Ascoltatevi, ascoltiamoci. Registriamo cosa i sensi ci trasmettono, quali istinti emergono e da quali livelli provengono (se da quello emotivo, ad esempio), e poi agiamo come conduttori d’orchestra per produrre la migliore sinfonia di cui siamo capaci. E’ possibile, occorre aver fiducia nelle proprie risorse, sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *